Crea sito
Breaking News
Home / Attualità / Il mare negli occhi

Il mare negli occhi

Dal 15 al 23 ottobre presso il centro salesiano Valdocco è stata allestita la mostra Il mare negli occhi.

La mostra e il percorso di visita sono stati organizzati dall’associazione Volontariato Internazionale per lo Sviluppo e da  Missioni Don Bosco, i quali hanno voluto accogliere l’appello di Papa Francesco perché la comunità internazionale superi l’indifferenza globale di fronte alle stragi di cui sono vittime i migranti.La parte iniziale presenta un video con testimonianze di migranti  dominate da paura, speranza, solidarietà, coraggio. Le provenienze sono i luoghi più poveri dell’Africa o coinvolti in conflitti sociali e culturali, quali ad esempio Siria (28%), Afghanistan (14%), Iraq (9%), Nigeria (8%) ed Eritrea (5%). Tra coloro che arrivano, la maggior parte è costituita da uomini (54%), seguiti da minori (28%) e donne(18%).

È stato subito chiaro che i mass media diffondono informazioni ingigantite ed estrapolate dai contesti, così la vittima della migrazione è l’Europa, sommersa dai continui arrivi, e non i migranti stessi che affrontano viaggi lunghi e difficoltosi rischiando la loro stessa vita e subendo spesso torture e percosse.In realtà sono paesi in difficoltà che accolgono il maggior numero di migranti: la Turchia (un numero quasi 22 volte maggiore dell’Italia), il Pakistan, il Libano, l’Iran e l’Etiopia.I paesi europei più ricercati sono Germania (316.000 rifugiati), Francia (273.000), Svezia(169.000) e Italia (118.000).Sulla Terra, una persona su 113 è un richiedente asilo, uno sfollato interno oppure un rifugiato. Ciò significa che sono 65 milioni le persone nel mondo che si trovano in questa condizione, più dell’intera popolazione italiana. Ogni minuto c’è un numero molto elevato di persone costrette a lasciare la propria casa… quindi mentre stai leggendo 24 persone hanno appena iniziato ad intraprendere questo viaggio.

La metà dei migranti, però, non conosce i pericoli a cui va incontro per raggiungere l’Europa e molti di questi muoiono nel deserto ancora prima di arrivare al mare.In Italia, sappiamo, Lampedusa rappresenta uno dei maggiori punti di accoglienza per i migranti sbarcati sulle coste italiane dopo aver affrontato un lungo viaggio in mare.Lampedusa è una piccola isola di 20 chilometri quadrati che ha conosciuto un periodo di crisi del turismo a causa dei frequenti arrivi di migranti. Ciò nonostante, i lampedusani accolgono chi arriva dal mare senza porre barriere, non ricavandoci niente.La visita si conclude con un ultimo video di drammatiche testimonianze e con la mostra fotografica di Riccardo Lorenzi, in cui sono ritratti i volti dei lampedusani.Il loro sguardo ha il mare negli occhi, cioè come il mare gli occhi non mentono. Sono occhi che hanno visto la sofferenza e il dolore delle persone giunte sull’isola di Lampedusa ed esprimono la solidarietà, l’altruismo e la voglia di vivere. Insomma Il mare negli occhi è un salutare tuffo nella realtà vera.

Per saperne di più vai su www.stoptratta.org

ALESSIA ,CRISTINA, GINEVRA,SIMONA 2°F

Leggi anche

IL GIORNO DELLA MEMORIA

Tra i numerosi avvenimenti del 1945 ce ne fu uno che non possiamo dimenticare: la liberazione del campo di concentramento di Auschwitz da parte delle truppe dell’Armata Rossa. Era il 27 Gennaio.

Powered by themekiller.com anime4online.com animextoon.com apk4phone.com tengag.com moviekillers.com