Crea sito
Breaking News
Home / Cattanews / LA PAROLA AI RAPPRESENTANTI DI CONSULTA (E NON SOLO)

LA PAROLA AI RAPPRESENTANTI DI CONSULTA (E NON SOLO)

Arriva l’autunno ed ecco riaffacciarsi alla mente dei giovani studenti del Cattaneo i soliti drammi esistenziali. Metto la felpa alle 8.00 e muoio di caldo a mezzogiorno, o esco in maglietta e congelo la mattina? La dieta la comincio ad ottobre o aspetto i panettoni di Natale? Ma soprattutto, quest’anno chi voto alle elezioni dei rappresentanti di consulta?

A tal proposito, si può dire che il popolo del Cattaneo si divida in due categorie: chi ammette di non aver ancora ben capito in cosa consista la consulta, e chi mente.La consulta provinciale degli studenti di Torino è un organo istituzionale fondato nel 1996 dal Ministero dell’Istruzione, che si preoccupa di favorire il dialogo tra le scuole superiori e le autorità provinciali, regionali e statali. Essa chiama a raccolta una volta al mese due rappresentanti per istituto, con mandato biennale, per organizzare attività, tra cui incontri formativi, conferenze e dibattiti, ma anche eventi sportivi e musicali.Quest’anno, ad avere vinto, sono stati Erica Ferrero (5N), con 90 voti, e Andrea Verardo (4D), con 141 voti.Abbiamo fatto loro qualche domanda.

Come mai hai deciso di candidarti?

Erica:  “Mi sono candidata perché volevo mettermi a disposizione degli altri e, quindi, questa mi sembrava un’ottima opportunità per realizzare progetti che andassero aldilà della mia piccola realtà. Inoltre, speravo che, dato che la lista di cui facevo parte era composta esclusivamente da donne, venisse eletta una di noi, proprio per raggiungere una sorta di parità dei sessi ed uguaglianza che alcune volte manca anche nella nostra società.

Andrea:  “L’anno scorso mi ero già candidato per la consulta, ma, non avendo fatto riconoscere le firme al preside, non avevo potuto legittimare la mia candidatura. Quest’anno ero di nuovo intenzionato a mettermi in gioco, ma sono contento di aver aspettato l’appello del preside, dato che così si sono candidate più liste e il dibattito è stato decisamente più interessante rispetto agli anni passati, probabilmente il migliore negli ultimi 4 anni.”

Ti aspettavi di vincere?

Erica:  “Sinceramente non mi aspettavo di vincere, principalmente perché scoraggiata dalle elezioni passate nelle quali raramente erano state elette donne.”

Andrea:  “All’inizio no, anche perché c’erano liste ben più preparate della mia. Ma, col susseguirsi delle presentazioni, guardando le reazioni del pubblico, ho capito che qualche possibilità l’avevo.”

Andrea, da dove è uscita l’idea tanto discussa dei tornei notturni?

A:  “L’idea mi è venuta quest’estate in Puglia, perché i miei amici avevano organizzato un torneo di calcetto notturno, davvero ben fatto. E’ stato in quel momento che ho capito che mi sarebbe piaciuto trasmettere la cosa a livello provinciale, a Torino.”

Erica, sei la prima rappresentante donna che il Cattaneo vede dopo tanti anni, come ti senti?

E:  “Sono molto emozionata all’idea di essere stata eletta, e questo mi ha dato e mi dà la carica e la motivazione che mi spingono tuttora a dare il massimo in quello che faccio. Spero vivamente che una cosa di questo genere (l’elezione di una ragazza) si possa ripetere in futuro e ci tengo ad esortare tutte le ragazze del Cattaneo a mettersi in gioco, senza paure, perché abbiamo tutti le stesse possibilità,e soprattutto, perché penso sia fondamentale la collaborazione di entrambi i sessi.”

Impossibile però dimenticare Giorgio Ruscone (5M) che, con i suoi 249 voti, è stato il candidato più votato, anche se questo non è bastato per portarlo alla vittoria. Abbiamo parlato anche con lui.

Giorgio, tu sei stato il candidato più votato ma ciononostante non sei stato eletto. Pensi di aver sbagliato qualcosa?

G:  “Non credo di aver sbagliato qualcosa, forse i miei avversari hanno proposto attività più allettanti, mentre la mia semplicità non è stata capita. Al di là di tutto, l’approvazione che ho ricevuto da tutti coloro che mi hanno votato mi sprona a continuare ad attivarmi all’interno della scuola e della consulta.”

Claudia, 5M

Leggi anche

IL 2019-nCoV TRA PAURE E SPERANZE

È passato più di un mese dall'inizio dell'epidemia del nuovo coronavirus, il 2019-nCoV.

Powered by themekiller.com anime4online.com animextoon.com apk4phone.com tengag.com moviekillers.com