Crea sito
Breaking News
Home / Cultura / RÉVOLUTION, TRA SOGNI E MUSICA

RÉVOLUTION, TRA SOGNI E MUSICA

Révolution: l’imagination au pouvoir è un’opera teatrale francese nata nel progetto 2018/2019 dell’associazione Materlingua, specializzata in rappresentazioni linguistiche originali che coinvolgono i ragazzi grazie a musica e danza. Questi spettacoli permettono non solo di apprendere una lingua straniera, ma anche di affrontare tematiche reali e molto attuali, come ilbullismo e l’uso delle nuove tecnologie.

Révolution narra appunto la storia di Chloé, una diciassettenne che si trova a dover combattere contro i bulli che la tormentano soprattutto sui social, ma anche negli incubi. Intimamente combattuta fra il superare quest’ostacolo e la paura e l’ansia continua, si rifugia in un sogno che diventa lo scenario della storia. Nei panni di un gruppo di giovani rivoluzionari sessantottini parigini, incontra quattro ragazzi, che rappresentano quattro aspetti della sua personalità in conflitto tra loro. I loro racconti e i loro consigli spingono Chloé ad affrontare la sua battaglia individuale contro le paure e i problemi, fino ad arrivare a una rivoluzione personale che la cambierà molto profondamente.

Tutto lo spettacolo è accompagnato da diverse canzoni – tutte interpretate e coreografate dai cinque attori – che lo trasformano quasi in un musical. La musica è ben integrata con la recitazione e i testi sono abbinati alla sceneggiatura. I dialoghi sono adatti sia ai meno esperti della lingua che ai più competenti e la storia può piacere sia ai coetanei dei protagonisti che ai professori e ai genitori.

Certamente è un’opera teatrale consigliata, soprattutto se si amano il francese, la musica e la recitazione di cinque attori che, seppur adolescenti, sono capaci di trasmettere valori importanti con parole semplici e un’allegria contagiosa.

Giulia, 2A

Leggi anche

BANKSY E IL TRUCCO DELLA CORNICE INGANNEVOLE

All’asta di Sotherby’s tenutasi lo scorso 6 ottobre, a Londra, il maggiore esponente della street art inglese, Banksy, nonostante tenga a mantenere l’anonimato, ha dimostrato la sua disapprovazione contro la commercializzazione delle sue opere. Il suo lavoro “La ragazza col palloncino”  era stato messo in vendita completo di cornice ed era appena stato venduto per la cifra di 1,2 milioni di dollari quando si è attivato il meccanismo che ha portato alla distruzione dell’opera, della quale tuttavia si è salvata la parte superiore.

Powered by themekiller.com anime4online.com animextoon.com apk4phone.com tengag.com moviekillers.com