Crea sito
Breaking News
Home / Cultura / LIBERTÀ È PARTECIPAZIONE

LIBERTÀ È PARTECIPAZIONE

Fin da piccoli tendiamo a immaginare la nostra vita dividendola in due parti: ciò che ci riguarda prima di aver compiuto 18 anni e ciò che accadrà dopo averli compiuti, quando ci saranno concessi più libertà e doveri. Uno degli aspetti più importanti dell’ essere maggiorenne è certamente quello di ottenere il diritto di voto, il momento in cui si ha la prima vera e propria occasione di esprimere un’ opinione su ciò che riguarda la politica e la vita nella comunità. La lotta per far parte dello stato, per avere un peso sociale e per ottenere dei diritti dura fin dai tempi più remoti a noi noti e nonostante ciò in molti paesi questi obiettivi non sono ancora stati raggiunti. Il diritto di voto è il diritto che assicura ad un individuo la possibilità di manifestare la propria volontà durante un’elezione. In molti Stati del mondo è un diritto costituzionale. Prima dell’introduzione del suffragio universale il diritto di voto era limitato per censo, per sesso o per cultura. In Italia il diritto di voto nel 1861 era riservato ai soli cittadini maschi di età superiore ai 25 anni e di elevata condizione sociale. Nel 1881 il Parlamento approvò l’estensione del diritto di voto e fu ammessa anche la media borghesia; inoltre il limite d’età fu abbassato a 21 anni. Nel 1912, su proposta di Giovanni Giolitti, il Parlamento approvò l’estensione del diritto di voto a tutti i cittadini maschi a partire dai 21 anni di età che avessero superato l’esame di scuola elementare e tutti i cittadini di età superiore ai 30 anni, indipendentemente dal loro grado di istruzione. Il suffragio universale maschile vero e proprio è stato introdotto nel 1918. Il voto alle donne è stato ottenuto ancora più duramente e fu riconosciuto solamente nel 1945. La Costituzione repubblicana detta alcuni principi fondamentali in materia di voto, stabilendo che esso è personale, eguale, libero e segreto e che il suo esercizio è un “dovere civico”. Ciò che quindi bisogna tenere presente è che uomini e donne hanno sempre lottato per esprimere la loro opinione e non sarebbe giusto, dopo così tanta sofferenza, fare finta di nulla e passare le domeniche di voto in casa sul divano. Votare è un nostro diritto e dovere, senza il quale non saremmo assolutamente liberi.

           Mila Malizia 1°A

 

Leggi anche

CRONACHE DAL PASSATO – CICERONE ENTRA NELLA STORIA: LE CATILINARIE DIFENDONO LA REPUBBLICA

Sventata una cospirazione del politico Lucio Sergio Catilina grazie alle grandi orazioni di Marco Tullio Cicerone, le Catilinarie. Circa due mesi fa, l’8 novembre dell’anno 690 dalla fondazione di Roma, grazie alle orazioni del notissimo M. Tullio Cicerone, è stata resa nota una clamorosa macchinazione ordita da un ambizioso politico, Lucio Sergio Catilina.

Powered by themekiller.com anime4online.com animextoon.com apk4phone.com tengag.com moviekillers.com