Crea sito
Breaking News
Home / Cinema e Serie TV / TREDICI 2: COSE CHE NESSUNO SAPEVA

TREDICI 2: COSE CHE NESSUNO SAPEVA

SPOILER
Abbiamo atteso tanto e finalmente è arrivata la seconda stagione di “Tredici”. La serie prosegue senza troppe novità. Si svolge infatti il processo iniziato dalla signora Baker contro la scuola che Hannah frequentava. I testimoni si presentano uno dopo l’altro, uno in ogni puntata, raccontando la loro verità, talvolta diversa da quella di Hannah.
Si scoprono nuove sfaccettature rispetto alla storia raccontata nella prima stagione. Probabilmente nessuno di noi si aspettava, per esempio, la relazione tra Hannah e quel bel ragazzo, chiamato Zach.
Tra i colpi di scena più clamorosi, c’è sicuramente il ritorno di Justin, eroinomane e senzatetto ma affascinante come al solito, e una lista di 11 “reasons why not” in cui Clay compare 2 volte.
La seconda stagione è meno avvincente della prima, come spesso capita, perché la trama risulta decisamente meno consistente e articolata. La storia infatti non va avanti ma c’è un continuo ritorno al passato.
Non sono mancate le critiche all’avvocato della difesa che, sfoggiando una retorica degna dei migliori sofisti, stronca ogni possibile replica da parte dei testimoni. Con i suoi “non è forse vero che…?” si guadagna l’odio e l’ammirazione degli spettatori.
Le coppie più shippate sono Jessica e Justin, Hannah e Zach, e Bryce (o Montgomery) e la galera.
Nel complesso, la seconda stagione risulta scontata e irrealistica poiché la Liberty High School è un concentrato di casi umani: i suicidi, i violentatori, i bulli, gli autolesionisti, gli schizofrenici e chi più ne ha più ne metta.
Ci sono numerosi riferimenti a luoghi comuni come l’uso delle armi e delle droghe, il bullismo nelle scuole, la mancata gestione della rabbia, il suicidio, la solitudine, l’amicizia, la violenza, l’amore.
Clay si chiede se l’anima di Hannah andrà all’Inferno, dato che si è suicidata. Ritorna quindi l’idea Dantesca sul destino dell’anima.
Clay inoltre cerca incessantemente la verità, sacrificando tutto per ottenere giustizia per la sua amata e per ricostruire al meglio l’avvenuto. La sua ricerca (filosofica) della verità entra in conflitto con tutti coloro che la vogliono nascondere.
La stagione si conclude con la perdita del processo da parte dei Baker, forse inaspettata.
Allora nasce spontanea la domanda: “La scuola è colpevole per il suicidio di Hannnah? Avrebbe potuto fare qualcosa per evitarlo?”
La risposta è complessa: non è facile stabilire da quale parte sia il torto o quali responsabilità abbia un’istituzione come la scuola in un caso simile.
Hannah sicuramente era una ragazza difficile e problematica. Vedeva la realtà in modo distorto ed era troppo debole per sopportare un ambiente del genere. Essendo troppo sensibile, non riusciva a gestire al meglio le relazioni con i suoi coetanei e a superare problemi, in realtà meno gravi di quanto le apparivano. Tuttavia era un’adolescente bisognosa di costanti attenzioni e sicurezze e si trovava in un periodo di difficoltà emotiva.
Molte critiche sono state fatte soprattutto all’ultima puntata per la scena di violenza esplicita e non necessaria, ma i produttori si sono difesi sottolineando che avevano avvisato gli spettatori sulla presenza di scene che potevano turbare la loro sensibilità.
Inoltre il finale è aperto, cosa che ci fa pensare all’arrivo di una terza stagione. Non possiamo dire che la conclusione sia originale o inaspettata: ci aspettavamo infatti una critica all’uso e alla diffusione delle armi in America e di conseguenza un accenno alle stragi nelle scuole.
Nonostante i giudizi negativi, la serie è stata vista da moltissime persone confermandosi una delle più popolari di Netflix anche se il numero di spettatori è calato rispetto alla prima stagione.

Alessia e Ginevra 3°F

Leggi anche

LA NOTTE DEGLI OSCAR

L’evento più atteso dell’anno dagli amanti del cinema (e non solo) è arrivato: gli Oscar 2019. La 91esima edizione dell’Academy Award si è tenuta la notte del 24 febbraio nel Dolby Theatre di Los Angeles. Per la prima volta dopo 30 anni non c’è stato un presentatore ufficiale, ma la serata è comunque proseguita senza intoppi e senza errori negli annunci dei premi (a differenza dell’anno scorso…).

Powered by themekiller.com anime4online.com animextoon.com apk4phone.com tengag.com moviekillers.com