Crea sito
Breaking News
Home / Attualità / PENICILLINA: NON SOLO MUFFA…
Sir Alexander Fleming, (6 August 1881 - 11 March 1955) was a Scottish biologist, pharmacologist and botanist who discovered Penicillin. (Photo by Universal History Archive/UIG via Getty Images)

PENICILLINA: NON SOLO MUFFA…

Ogni giorno, che sia il calendario scolastico o la homepage di Google a ricordarcelo, viene celebrato qualche personaggio importante: conquistatori, uomini politici, filosofi, fisici, matematici e,  non ultimi per importanza, anche qualche ricercatore. Quest’anno, soprattutto, risulta essere ricco di ricorrenze: dal 100esimo anniversario della nascita di Nelson Mandela fino ad arrivare ad un ben più recente 25esimo anniversario della morte di Pablo Escobar. Ma il calendario del 2018 propone anche un altro evento molto rilevante e che merita di essere, ancora oggi, ricordato. Una scoperta molto importante  non tanto per la figura del suo scopritore, bensì per l’importanza che ha ricoperto nel 20esimo secolo e che ancora oggi detiene. Nel 1928, 90 anni fa, nel suo laboratorio inglese, il medico e biologo inglese Alexander Fleming scoprì, con un pizzico di fortuna, la penicillina.

Ma quali sono le particolarità di questa sostanza detta anche “muffa miracolosa”?

La penicillina è un potente antibiotico,  viene impiegato contro la maggior parte dei batteri gram positivi come gli stafilococchi,  gli streptococchi e meningococchi. Il dottor Fleming scoprì questa cura quasi per caso: lo scienziato stava, infatti,  lavorando su alcuni batteri coltivati in capsule, ma (s)fortuna volle che dovette mancare dal suo laboratorio alcuni giorni. Al suo ritorno il medico inglese notò subito che  una delle colture era macchiata da una muffa che, a differenza delle altre, aveva eliminato tutte le colonie batteriche presenti sul proprio terreno. Fleming, ancora ignaro della scoperta, si era così imbattuto nella penicillina di tipo G, dalla quale otterrà poi tutte le altre forme dell’antibiotico. In seguito, ulteriori studi, compiuti su altre forme batteriche,  confermarono gli effetti quasi miracolosi della muffa: grazie ad essa, infatti, malattie, fino a quel tempo difficili da curare e in molti casi mortali, divennero meno pericolose e più gestibili dai medici.

Ma come tutte le scoperte rivoluzionarie di un certa portata, anche quella della penicillina non fu accolta subito in campo medico, erano due i problemi che ne impedivano l’applicazione: la difficoltà nella produzione e le scarse dosi che potevano essere ottenute dalla sua  produzione. Queste furono le principali cause che, in un primo momento, non permisero alla penicillina di affermarsi come farmaco per la cura di malattie molto gravi e diffuse dell’epoca.

Bisogna aspettare il 1941 quando uno studio, seguito da un gruppo di ricercatori dell’università di Oxford,  riporterà di nuovo in auge la “muffa miracolosa” scoperta da Fleming. A causa della guerra e alla mancanza di finanziamenti, gli studi sulla penicillina verranno portati negli Stati Uniti dove si incomincerà la produzione su larga scala dell’antibiotico. I primi risultati positivi si ebbero proprio negli Stati Uniti quando la penicillina, non ancora commercializzata, venne utilizzata per la prima volta sull’uomo, riscontrando, fin da subito, ottimi risultati. I suoi potenti e immediati risultati suscitarono l’interesse da parte di un gran numero di  case farmaceutiche per la produzione a livello industriale del farmaco.

I risultati ottenuti da Fleming, partendo da  semplici studi su terreni di coltura infettati da batteri e sulle muffe, hanno portato a una delle scoperte più importanti e rivoluzionarie del ventesimo secolo, una scoperta che l’essere umano ha saputo utilizzare in maniera intelligente e che ha permesso alla medicina di progredire. Importante fu  il ruolo della penicillina dopo la Seconda Guerra Mondiale: essa fu impiegata in campo medico per salvare la vita ai numerosi reduci che si erano ammalati durante lo scontro. Bisogna dunque riconoscere a Fleming l’importanza di tale scoperta: essa, infatti, ha permesso un miglioramento delle condizioni di vita della popolazione, salvando migliaia di vite sia in passato sia nel presente.

                                                                                                                                              Fabrizio 4^F

Leggi anche

LUIS SEPULVEDA

Luis Sepulveda ha lottato per la sua vita e per la sua libertà, vivendo appieno grazie alla scrittura e alle sue passioni, tra cui i libri e la politica.

Powered by themekiller.com anime4online.com animextoon.com apk4phone.com tengag.com moviekillers.com