Crea sito
Breaking News
Home / Cattanews / Dietro le quinte del Catta’s Trash Party.

Dietro le quinte del Catta’s Trash Party.

Il tanto atteso Catta’s Trash Party è iniziato alle 22:00 ed è finito quando le gambe non reggevano più il ritmo della musica che, ora dopo ora, non ci ha permesso di fermarci neanche un secondo. Così ci hanno salutati i tre rappresentanti d’istituto che terminato il quinto anno hanno salutato il loro caro Cattaneo, ma la quarta della  squadra è ancora seduta tra i banchi della classe 5a M. Giulia Novara ha ovviamente partecipato all’organizzazione dell’ultima festa d’istituto organizzata dai rappresentati dell’anno scolastico 2016/2017, ma si è trovata davanti ad una situazione che, non tutti sanno, ha suscitato scalpore e accese discussioni tra il corpo docenti di tutta la scuola. I problemi sono sorti nel momento in cui due pezzi di scotch hanno fissato sui muri, sulle bacheche e sulle porte delle classi, come sempre è stato, le locandine per riferire a tutti gli studenti le informazioni necessarie riguardo la festa. Molti tra i professori e le professoresse accuserebbero i volantini di immoralità e superficialità nelle parole e nelle immagini utilizzate, per primo il nome della festa, che, giustamente, tradotto letteralmente potrebbe recare offese al Cattaneo stesso. Ma senza passare ad affrettate conclusioni e parlandone con gli autori della locandina, forse chi ancora non ne era a conoscenza avrebbe potuto sapere che negli anni il termine ‘trash’ ha assunto un significato che allude ad un modo di vestire sopra le righe, eccessivo e volutamente esagerato.
Altra vittima di critiche è stato Mr. Santa Claus che sì, sta facendo proprio quello che pensate, ma una volta constatato questo, cosa si potrebbe trovare di male in un po’ di sana ironia, non offensiva peraltro?
Ultimo, ma più importante, il simpatico folletto che non è altri che l’attore comico Tony Cox nei panni dell’aiutante di Babbo Natale, Marcus, nella commedia “Bad Santa” presentata nelle sale cinematografiche nel 2003 e tutt’ora ripresentata quasi ogni anno sul piccolo schermo durante il periodo natalizio. Dunque il personaggio di un film che non solo non ha subito alcuna censura né negli Stati Uniti né in altri paesi, ma è stato anche presentato fuori concorso al Festival di Cannes del 2004, con quale criterio dovrebbe essere considerato immorale da parte dei docenti di una scuola superiore?
Secondo quale criterio i professori sarebbero tenuti, per il bene educativo dei propri allievi, a strappare in classe la locandina perché considerata offensiva? Sicuramente lo scopo dei rappresentanti d’istituto è del tutto contrario a quello di insultare gli studenti del Cattaneo, in ogni caso, chi si fosse sentito offeso dal suddetto volantino informativo è invitato a farlo presente ai rappresentanti in carica rivolgendosi a loro direttamente o in forma anonima tramite la cassetta del “Catta in Love”.
È vero che, a detta di qualcuno, una notizia del genere nelle mani di un giornalista, potrebbe trasmettere un’immagine non positiva del Cattaneo ai lettori esterni, ma è un dato di fatto che l’accaduto non si avvicina neanche alla portata dei problemi che l’istituto ha dovuto affrontare per la questione del diploma spagnolo, per esempio, oppure, per chi ricordi, l’aggressione fuori dai cancelli al nostro ex rappresentante di consulta.
Il Cattaneo ha ben altro a cui pensare, non è produttivo concentrare le energie su interpretazioni del tutto personali che i professori esprimono riguardo alla locandina delle feste d’istituto e che generano tante tensioni e incomprensioni tra studenti e corpo docenti. Spiegato il contenuto del volantino con la minima superficialità, ci chiediamo se i professori che hanno trovato giusto strappare il lavoro in cartaceo dei rappresentanti d’istituto stracceranno anche il “volantone” de Il Carlo 2.0 su cui sono di nuovo presenti un Babbo Natale alternativo e Tony Cox.

Eleonora, 5M

Leggi anche

ALMENO QUALCUNO HA FATTO “VACANZA”

È ormai terminata la settimana di febbraio dedicata ai viaggi studio programmati dalla scuola e con essa la possibilità, per almeno alcuni di noi del Catta, di prendesi una piccola pausa dalla sveglia alle sei del mattino e dai pomeriggi (che spesso diventano nottate) trascorsi a studiare per il giorno dopo

Powered by themekiller.com anime4online.com animextoon.com apk4phone.com tengag.com moviekillers.com