Crea sito
Breaking News
Home / Musica / DAVID BOWIE: L’ “ALIENO” BOCCIATO ALLA PRIMA AUDIZIONE

DAVID BOWIE: L’ “ALIENO” BOCCIATO ALLA PRIMA AUDIZIONE

Il cantante londinese David Bowie ha dominato la scena del mondo musicale (e non solo) per ben cinquant’anni. Una carriera di successo? Non solo: anche lui ha attraversato momenti di alti e bassi. Il momento più deludente è stata la bocciatura durante un provino musicale tenutosi nel novembre del 1965, quando l’artista allora diciottenne era ancora conosciuto con il nome di David Robert Jones. Quel ragazzo qualunque si era presentato insieme al suo gruppo dell’epoca, i Lower Thirt, alla commissione talenti dell’emittente pubblica britannica che rifiutò di mandare in onda le sue canzoni (Out of sigh, Baby that’s a promise, originali, e il rifacimento di Chim-chim-cheree).
“Batterista in ritardo. Scarsa selezione di materiale. Non troppi difetti musicali, ma non sanno fare spettacolo. Ordinari. Una routine noiosa. Guidati da un cantante stonato con un accento troppo marcato, privo di personalità. Non miglioreranno con le prove”. Queste sono le critiche mosse dalla commissione riemerse sui documenti negli archivi della BBC in occasione delle ricerche per il nuovo documentario “The first five years” che l’anno prossimo celebrerà il 50° anniversario dall’uscita di Space Oddity, il primo successo di David. Perchè c’è voluto tutto questo tempo per ritrovarle? Forse i funzionari di allora avevano voluto far dimenticare l’incredibile errore di giudizio? E che errore! Non sapevano che quel povero ragazzo avrebbe toccato, esattamente quattro anni dopo, in occasione del lancio dell’Apollo 11, le cime delle classifiche britanniche proprio con il singolo Space Oddity e il suo protagonista, il Maggiore Tom, che lo accompagnerà per tutta la sua carriera fino all’ultimo album Blackstar.
Ciò che ha fatto tanto discutere i fan è stata la definizione “privo di personalità”. Il Maggiore Tom (Major Tom), Ziggy Stardust, Aladdin Sane, Halloween Jack, The thin white duke, Nathan Adler, The blind prophet, questi sono solo alcuni degli alter ego dell’alieno dalle mille personalità. I suoi concerti non si potevano definire in questo modo: erano dei veri e propri spettacoli, una recitazione continua.
Secondo alcuni non era destinato a diventare qualcuno e avrebbe dovuto semplicemente continuare gli studi presso il college tecnico di Londra. Ma lui ha seguito i suoi sogni con perseveranza e non è rimasto seduto ad una scrivania. L’”Alieno” ha volato al fianco delle stelle più brillanti del firmamento artistico ed è ancora lassù a far sognare tutti noi qui. Concerti, tour mondiali, persino la stella sulla Walk of Fame a Los Angeles nel 1997: niente male per un “ragazzo stonato senza talento e personalità”.

Laura 2^A

Leggi anche

REVELATION TOUR, UN MONDO A COLORI

Il 24 novembre, dopo una lunga pausa dalla musica e dall'Italia, si è presentato sul palco del Pala Alpitur di Torino Michael Holbrook. Chi? Ma Mika! Questa volta ha scelto di levarsi di dosso la maschera evitando imitazioni e rivelando l'uomo vero dietro di essa.

Powered by themekiller.com anime4online.com animextoon.com apk4phone.com tengag.com moviekillers.com