Crea sito
Breaking News
Home / Cultura / IL CAVALLO DI TROIA NON È UN CAVALLO?

IL CAVALLO DI TROIA NON È UN CAVALLO?

Studenti, insegnanti, adulti e bambini… ormai tutti conoscono la  leggenda  del “cavallo di Troia”, stratagemma e macchina da guerra che, secondo le trascrizioni, ha permesso ai Greci di espugnare la città di Troia. Ma la conoscenza e le scoperte dell’uomo sono sempre pronte a sfatare i miti millenari più straordinari: e se per millenni il mondo avesse dato un’interpretazione errata? Se per anni anche gli insegnanti avessero trasmesso una conoscenza non vera? Se imprevedibilmente si avanzasse l’ipotesi che il famoso cavallo non fosse stato un cavallo?Ebbene l’archeologo navale Francesco Tiboni, dottore di ricerca all’università di Marsiglia, sostiene la falsità di questa informazione: infatti egli crede che l’equivoco sia stato dovuto all’attribuzione errata del significato della parola greca “Hippos”. Normalmente la traduzione sarebbe stata semplicemente “cavallo”; tuttavia Tiboni sostiene che i Greci si riferissero ad una particolare nave fenicia chiamata appunto “Hippos”, la quale aveva una polena con la testa di equino. L’esistenza di questa particolare nave è attestata da alcune testimonianze di carattere artistico, come i rilievi del palazzo dell’antica Khorsabad in Iraq, e l’archeologo pensa che effettivamente sia più plausibile che a nascondere i soldati di Agamennone, tra cui Ulisse (ideatore dello stratagemma), sia stata appunto una nave e non un cavallo costruito. Che sia quindi stata una nave a segnare la sconfitta troiana? Non si è saputo nell’antichità e non si può affermare nemmeno oggi con certezza l’esistenza di una teoria veritiera confermata da prove. Già nel passato infatti Pausania, celebre storico greco del II secolo d.C., nella sua opera “Periegesi della Grecia”, ha confutato l’ipotesi tradizionale, come anche altri storici moderni hanno fatto, sostenendo ad esempio che invece esso fosse stato un ariete da assedio a forma di equino o più semplicemente una metafora per indicare un terremoto. Sarà l’ipotesi definitiva quella di Tiboni o la civiltà  europea non vorrà abbandonare  la tradizione aprendosi a nuove possibilità?

Simona 3°F

Leggi anche

COMAU: STORIA E CURIOSITÀ SULLA GRANDE AZIENDA TORINESE

COMAU (Consorzio Macchine Utensili) è attualmente l’azienda numero 1 al mondo nel campo dell’automazione industriale. È presente a livello globale con 29 centri operativi, 15 stabilimenti e 4 centri di ricerca e sviluppo. La sede principale della società si trova a Grugliasco, in provincia di Torino.

Powered by themekiller.com anime4online.com animextoon.com apk4phone.com tengag.com moviekillers.com