Crea sito
Breaking News
Home / Attualità / BOCCONI KILLER MINACCIANO I NOSTRI AMICI A QUATTRO ZAMPE

BOCCONI KILLER MINACCIANO I NOSTRI AMICI A QUATTRO ZAMPE

“Stai attento! Quel cane è aggressivo: ha la museruola. Morde!”

No! Molto spesso non sono loro a essere pericolosi, ma le persone. È tornato l’incubo per tutti i padroni: sono stati ritrovati bocconi letali per i nostri animali, a volte troppo curiosi.

Polpette di carne avvelenate con antigelo, insetticidi, stricnina a San Salvario, in Corso Dante, via Muratori, nei Giardini Firpo; arancini ripieni di riso e chiodi sulle sponde della Dora;  vetro avvolto nel prosciutto a Mirafiori, in via Negarville e in via Onorato Vigliani e altri bocconi killer in giro per la nostra città.

Ma non bisogna credere che le nostre bestiole siano al sicuro se non viviamo in quelle zone. Lo scellerato di turno potrebbe trovarsi davanti a casa nostra e il nostro cane potrebbe correre lo stesso rischio di un altro animale che è dalla parte opposta di Torino.

La crudeltà di questi maniaci non ha fine. L’episodio forse più brutale è quello che si è verificato a Borgiallo, nel Canavese. Dick, un adorabile cagnone, è stato vittima di würstel avvelenati. Ritrovato legato al pilastro di un caseggiato, è stato poi operato, ma non c’è stato niente da fare. Il veterinario ha quindi estratto il contenuto dello stomaco. Indovinate. Ancora chiodi e pezzi di vetro. Il padrone ha denunciato l’accaduto, come hanno fatto i volontari del Canile di Rivarolo Canavese sui social: «Non è un buongiorno. Oggi la cattiveria, la crudeltà di un essere spregevole ci ha portato via un caro amico. Chi ha le mani sporche del suo sangue non abbia mai più un giorno buono. Buongiorno a tutti quelli che rispettano i cani, a tutti quelli che non farebbero mai del male a queste creature fedeli e speciali. A chi vigliaccamente e crudelmente dà loro questi bocconi auguriamo lo stesso dolore».

A San Salvario i cittadini si sono presto mobilitati, raccogliendo firme per far installare dal comune delle telecamere che inquadrino i colpevoli con le mani nel sacco.

Ma quali sono le cause che spingono a compiere gesti così terribili? Spesso per gli avvelenatori si tratta di un sistema perverso per divertirsi, oppure di un metodo per punire i padroni che non puliscono la strada dove i cani sporcano, o ancora lo fanno perché infastiditi dal continuo abbaiare. Sappiamo solo che chi ne subisce le conseguenze sono i nostri fedeli amici a quattro zampe, che di colpa ne hanno ben poca!

Laura, 2A

Leggi anche

Nellie Bly: una giornalista contro ogni convenzione

“Sono una donna che ha il coraggio, l’energia e l’indipendenza che caratterizzano molte donne in questa epoca”.

Powered by themekiller.com anime4online.com animextoon.com apk4phone.com tengag.com moviekillers.com